Un’arida campagna

Da e , 6 luglio 2016 15:04


Img_2.jpeg

Finalmente la città di Oderzo tira un sospiro di sollievo per la fine di una campagna elettorale lunga e pesante, caratterizzata da tanti candidati con diversi progetti per il futuro della città pronti a tutto pur di ottenere la vittoria.

Certamente questa campagna elettorale, protagonista assoluta dei social network e dei giornali locali in questi mesi, rimarrà nel ricordo per la scorrettezza e l’atteggiamento denigratorio tenuto da alcuni. E’ stata soprattutto l’oramai ex maggioranza a puntare il dito contro gli altri, in primis Lega Nord, l’avversario più temuto. Molti cittadini hanno trovato spiacevole a ridosso delle elezioni trovarsi la cassetta delle lettere invasa da volantini a firma Cittadini Uniti – Oderzo Sicura in merito al passato di Maria Scardellato, dimissionaria come assessore ai lavori pubblici nel 2004 oppure che riportavano un messaggio a firma dei consiglieri regionali del Pd che invitava a votare i movimenti civici, in aperto contrasto con le dichiarazioni dei candidati opitergini del centrosinistra. Un’insistenza questa che, unita a innumerevoli SMS privati e all’ormai celebre (e quanto mai derisa nei social network) onnipresenza ai seggi durante le operazioni di voto, ai limiti dell’ubiquità, ha certamente penalizzato il risultato delle civiche uscenti. Continua la lettura 'Un’arida campagna'»

FBC 2016: grazie a tutti!

Da e , 27 giugno 2016 17:32

13524551_10209876877185413_7946544869591507395_nVogliamo ringraziare tutti quelli che hanno contribuito alla riuscita di questa edizione del Festival del Bene Comune.

Innanzitutto gli iscritti dei Giovani per Oderzo e Fucina n.4 che con grandi sacrifici personali si sono prestati al duro lavoro. Senza la collaborazione di tutti il Festival non sarebbe stato possibile!

In secondo luogo ringraziamo voi che siete venuti al Festival: avete contribuito alla discussione sull’accoglienza, vi siete gustati le prelibatezze del chiosco e vi siete divertiti al concerto dei Black Night. Ringraziamo anche i musicisti, il service, la scuola di danza Doublemind, il Prof. Antonio Silvio Calò e tutte le associazioni del territorio che si sono riunite al parco durante la seconda giornata.

Purtroppo un temporale non ci ha permesso di rispettare il programma, per cui i concerti di sabato sera degli Spartiti e dei Capitan Guepière sono stati annullati. Vi promettiamo comunque che l’offerta di buona musica continuerà nelle prossime edizioni del Festival!

Infine vogliamo esprimere la nostra gratitudine agli sponsor e a chi ci ha dato una mano (Tortuga, Bersagliere, Alba Edizioni, CGIL, la Cooperativa Pace e Sviluppo, Banca della Marca, Becco Giallo, l’azienda agricola Le Baite, SAVNO) e le istituzioni che hanno appoggiato il nostro progetto.

Vi aspettiamo alla prossima edizione del Festival del Bene Comune, nel frattempo non perdetevi le iniziative che GpO e Fucina organizzano durante tutto l’anno!

Erika Torchio (GpO), Francesco Benedet (Fucina n.4)

 

Dietro la quinta: FBC 2016

Ecco finalmente il programma del Festival del Bene Comune 2016, giunto ormai alla quinta edizione.

Dopo essersi distinto a Oderzo come punto di riferimento per la difesa dei beni comuni, per il rispetto dell’ambiente, per la promozione della partecipazione attiva dei cittadini alla vita della città, quest’anno la manifestazione vuole essere palcoscenico per discutere di accoglienza.

Il Festival, organizzato per la prima volta in collaborazione con l’associazione Fucina n°4, si aprirà lunedì 20 giugno, alle ore 20:45, presso la sala di Palazzo Moro, con la conferenza “In rotta con la paura – Percorsi di accoglienza per affrontare il recente fenomeno migratorio senza cadere nella strumentalizzazione politica della paura”. Continua la lettura 'Dietro la quinta: FBC 2016'»

Dialogo e accoglienza al Festival del Bene Comune 2016

Img_2Manifestazione che funziona non si lascia: anche quest’anno noi Giovani per Oderzo proponiamo nelle giornate del 24 e 25 giugno il tradizionale appuntamento col “Festival del Bene Comune”.

La maggiore novità di questa edizione è rappresentata dalla collaborazione con l’associazione opitergino-mottense Fucina n° 4, molto impegnata per quanto riguarda il tema della legalità ma sensibile anche verso le nostre proposte politico-culturali: assieme a loro abbiamo scelto, visto il momento storico che stiamo affrontando, di dedicare l’edizione 2016 al tema dell’accoglienza. Su tutti i mass media, ormai anche nazionali, si parla dell’arrivo dei migranti presso la Caserma Zanusso, spesso paventando il rischio di possibili violenze, furti e crimini in genere. Continua la lettura 'Dialogo e accoglienza al Festival del Bene Comune 2016'»

Una legge che fa acqua

Da e , 8 aprile 2016 11:38

Img_3

Il referendum del giugno 2011 sulla gestione pubblica dell’acqua sembrava aver definitivamente chiuso la partita: l’acqua è un bene comune e non può essere in nessun modo oggetto di interesse privato. Questo assunto viene oggi rimesso in discussione da un emendamento del PD alla proposta di legge che dovrebbe appunto recepire il risultato referendario. Il testo proposto sostituisce l’obbligo della gestione pubblica del servizio con un indirizzo preferenziale, aprendo di fatto la possibilità alla partecipazione di enti privati. Un provvedimento questo, che affianca la predilezione per la creazione di grandi multi-utility per la gestione centralizzata dei servizi comunali come previsto dallo “Sblocca Italia” e gli incentivi della Legge di Stabilità per i comuni che privatizzano i servizi pubblici a rete. Continua la lettura 'Una legge che fa acqua'»

Aula magna: a true story

Da e , 21 gennaio 2016 15:25

Img_2L’anno riparte pieno di speranze per gli studenti dell’ istituto comprensivo F. Amalteo, per i liceali dell’ISISS A. Scarpa, e per tutti gli opitergini: potrebbe essere, infatti, l’anno in cui verrà riaperta al pubblico l’aula magna adiacente all’istituto. Dovrebbero riprendere presto i lavori per il rifacimento del soffitto e l’adeguamento antisismico dell’aula magna, inagibile dal lontano 2009. Dopo sette anni di lavori stagnanti, battaglie legali e proteste da parte degli studenti, la struttura potrebbe essere riaperta già da questa primavera, non soltanto a vantaggio dei due istituti, ma anche per tutti i cittadini della comunità che ne faranno richiesta, poiché sarà anche dotata di un ingresso indipendente dalle scuole.

Sette anni che abbiamo seguito da vicino, in un avvicendarsi di promesse non mantenute e continui rinvii che dimostrano una volta per tutte l’inaffidabilità delle perequazioni tanto amate dalla nostra amministrazione per gestire i lavori pubblici. Ecco un piccolo riassunto: Continua la lettura 'Aula magna: a true story'»

Uno Strillone speciale

Img_2Sabato scorso Oderzo si è ritrovata purtroppo a dover ospitare il triste corteo organizzato dai Consiglieri della maggioranza in Consiglio Comunale.

Un corteo triste e anche un po’ patetico innanzitutto perché ha visto l’Amministrazione comunale manifestare contro la propria incapacità di governare e agire tempestivamente per trovare una soluzione ad un problema concreto come quello dell’immigrazione e dell’ospitalità nei confronti dei profughi.

Notiamo inoltre che anche nella nostra città si è sfruttata una delle più grandi tragedie del nostro tempo per meri fini elettorali: la paura dei cittadini paga sempre, un atteggiamento di chiusura e un pizzico di populismo vanno sempre bene a ridosso delle elezioni. Le soluzioni serie ed efficaci, invece, quelle sì sono difficili da spiegare agli elettori, da far digerire, e possono creare dello scontento: che non sia mai, a maggio si vota! Continua la lettura 'Uno Strillone speciale'»

Salva la tratta, compila il questionario!

Da e , 12 novembre 2015 14:57

Img_2A quasi due anni dall’introduzione dell’orario cadenzato sulla tratta ferroviaria Treviso-Portogruaro, il disagio degli studenti e dei lavoratori che si muovono da Oderzo su rotaia resta ancora grande.

Dopo le proteste da parte degli utenti della tratta e diversi tentativi di risistemazione della tabella oraria e vari tavoli di discussione tra Regione, Trenitalia, amministratori locali, rappresentanti dei pendolari, la situazione non è affatto migliorata, anzi, dobbiamo ora registrare che il numero di utenti si è drasticamente ridotto a favore del trasporto su gomma gestito da MOM o con mezzi personali: un segnale evidente che la stazione ferroviaria di Oderzo non è più in grado di offrire un servizio soddisfacente per i numerosi pendolari opitergini. Continua la lettura 'Salva la tratta, compila il questionario!'»

Orti… partenza, via!

Img_2L’amministrazione comunale a breve metterà a disposizione dei terreni per il progetto “orti urbani” in zona San Vincenzo. L’iniziativa è positiva e già in passato la nostra associazione aveva proposto e appoggiato idee sull’uso di alcune aree per la coltivazione ad orto da dare in gestione ad alcune famiglie opitergine (vd. Strillone ottobre 2012).

Adesso che questa possibilità sembra finalmente concretizzarsi, è importante capire quali requisiti bisogna avere per usufruire del servizio e a quali facilitazioni avranno diritto gli assegnatari. Il Comune ha annunciato la prossima pubblicazione del bando per le famiglie interessate, ma invita gli opitergini a dare fin da subito la propria pre-adesione all’iniziativa presso l’Ufficio Ecologia. Continua la lettura 'Orti… partenza, via!'»

Achtung! Gender!

Da e , 12 settembre 2015 11:09

img_1Da diversi mesi siamo circondati da dichiarazioni, messaggi pubblicitari, catene di Sant’Antonio che ci mettono in guardia contro una fantomatica “teoria gender”. Da quanto si può capire da questi avvertimenti, spesso deliranti, sconclusionati e sgrammaticati, si tratterebbe di un complesso e brutale programma di indottrinamento atto a deviare le menti dei nostri figli, messo in atto da entità malvagie come il governo, il Ministero dell’Istruzione, l’Europa o l’ONU, dipende, nelle varie versioni della storia, da chi viene considerato più cattivo. Continua la lettura 'Achtung! Gender!'»

Panorama Theme by Themocracy