Festival del Bene Comune: 27 e 28 giugno! Save the date!

Img_2Dopo il successo delle scorse edizioni, il Festival del Bene Comune raddoppia! L’entusiasmo che ci ha travolti lo scorso settembre e l’incoraggiamento di molti di voi ci hanno spinti a riproporre l’evento, che nasceva come appuntamento biennale, anche quest’anno. L’edizione 2014 avrà un’importante novità:  raddoppiano le giornate del festival! Il 27 e 28 giugno il parco di via Pontremoli si animerà di suoni, colori, sorrisi e, immancabilmente, ottimo cibo.
La sera del venerdì si terrà il concerto di apertura; la giornata del sabato sarà dedicata alle associazioni del territorio e all’approfondimento culturale, senza trascurare musica, intrattenimento per bambini e concerto serale.
Il Festival vuole essere occasione per approfondire un tema legato al Bene Comune proponendo momenti e spunti di riflessione specifici. Al centro dell’edizione 2014 ci sarà il Paesaggio come valore da difendere e da proteggere.
Tutelato nei principi fondamentali della nostra costituzione (art. 9) il paesaggio ha per tutti noi un’importanza imprescindibile, purtroppo spesso sminuita o accantonata. A fronte di un eccessivo sfruttamento e abuso del territorio che vediamo spesso in atto, nell’intento di stimolare una crescente sensibilizzazione, crediamo sia necessaria una seria riflessione sul tema. Avremo l’occasione di farlo insieme attraverso un momento di confronto con alcuni esperti nel pomeriggio del sabato, nonché attraverso le attività che si svolgeranno nel corso della giornata.
La riflessione può, tuttavia, partire fin da ora. Invitiamo tutti voi e tutte le associazioni che parteciperanno al festival ad interagire con noi attraverso i Social Networks. Il Festival del Bene Comune quest’anno infatti sarà anche social con il progetto intitolato “Bene comune per me è…”. Condividi su Instagram, Twitter o Facebook una foto che rappresenti la tua idea di “bene comune” utilizzando l’hashtag #benecomunexme. Condividi qualsiasi cosa inerente al bene comune o ai beni comuni: da una passeggiata lungo l’argine ad un paesaggio; dalla piacevole sensazione di riposare distesi sull’erba di un parco alla soddisfazione provata dopo aver raccolto una cartaccia da terra, rispettando ciò che è di tutti, da un’idea che per te è bene comune ad un oggetto che rappresenta i beni comuni. Inoltre durante il festival potrete usare l’hashtag #fbc2014 per documentare in tempo reale la manifestazione.
Segnate le date in agenda e venite numerosi! Nel frattempo, siete invitate alla squisita cena di primavera in sostegno al festival in programma il prossimo 23 maggio! Per informazioni e prenotazioni, potete contattare il numero 340 1067216.

Il ponte dimenticato

Da e , 6 maggio 2014 08:26

OLYMPUS DIGITAL CAMERALa chiusura del “Ponte de toea” che collega i residenti di Oderzo a Fontanelle e viceversa si è protratta da due anni e sembrano non esserci soluzioni in vista.
Questo ponte piccolo e caratteristico situato in Via Santa Maria del Palu’ sta diventando pericoloso persino per pedoni e ciclisti. Ogni qualvolta i residenti della zona osservano delle persone attraversarlo si allarmano, sebbene siano presenti cartelli di divieto e blocchi di cemento a delimitare l’area. La minaccia è data dall’asfalto che al centro sta cedendo e dalla spalletta che dalla parte opitergina presenta una crepa. Continua la lettura 'Il ponte dimenticato'»

Assunto forse, precario certamente

MANOVRA: STOP A REINTEGRO, PER PRECARI SOLO INDENNITA'Giovedì 24 Aprile la Camera dei deputati ha approvato il decreto legge in materia di lavoro. Ora il testo passa al Senato. L’approvazione definitiva è fissata entro il 20 maggio, pena la decadenza del decreto. Ciò che emerge dalla legge firmata dal Ministro Poletti è l’insistenza sulla strada della flessibilizzazione del mercato del lavoro, nonostante questa politica ci abbia condotto al dramma odierno, con il 13% di disoccupati, il 42,3 % se si considera la fascia d’età tra i 15 e i 24 anni. Passa infatti da 12 a 36 mesi la durata dei contratti a termine senza causale, cioè senza l’obbligo di specificare il motivo dell’assunzione. Durante questo periodo, ci potranno essere dei rinnovi fino a un massimo di cinque volte (il testo originale del Governo ne prevedeva addirittura 8) e sparisce l’obbligo di pausa tra un contratto e l’altro. Gli assunti con questa forma non potranno però essere più del 20% del totale. Continua la lettura 'Assunto forse, precario certamente'»

Votiamo per l’Europa

Da , 6 maggio 2014 08:16

Img_4Dopo lo scorso numero de “Lo Strillone” parliamo di nuovo di Europa. Più precisamente dell’importanza dell’occasione che abbiamo di fronte con le Elezioni Europee che si svolgeranno a fine maggio.
L’Unione Europea è costituita attualmente da 28 Paesi membri. Nel 1951, quando la prima collaborazione economica ebbe inizio, erano solo 6, tra cui l’Italia. L’ultimo Paese in ordine cronologico ad entrare a far parte dell’Unione è stata la Croazia, ma altri sono in attesa di completare le procedure di adesione. Continua la lettura 'Votiamo per l’Europa'»

Panorama Theme by Themocracy