Scavi archeologici: repetita iuvant!

Da , 7 marzo 2016 12:08

Oderzo-Stemma

Gutta cavat lapidem. La goccia scava la roccia. Il proverbio latino calza a pennello visto che si parla ancora di reperti romani. Una volta tanto, però, lo si fa per sottolineare un fatto positivo: la stampa riporta infatti che il sindaco reggente De Luca ha trovato un accordo con la Soprintendenza per la sistemazione delle ringhiere che proteggono l’area archeologica del centro di Oderzo. Una notizia davvero gradita, frutto dell’insistenza di tanti cittadini che a forza di segnalare la situazione di degrado – goccia dopo goccia – hanno smosso l’amministrazione a prendersi cura delle tracce del passato della nostra città. Continua la lettura 'Scavi archeologici: repetita iuvant!'»

Damo candidata: alle sindacarie vince chi arriva terzo!

Da , 7 marzo 2016 11:34

podio3

Resterà ben impressa nella mente degli opitergini la brutta figura che i gruppi civici di maggioranza in Consiglio Comunale hanno fatto nella scelta del proprio candidato Sindaco alle prossime elezioni di primavera. Prima l’annuncio di voler lasciar decidere il candidato Sindaco agli opitergini e poi la marcia indietro e la candidatura imposta dall’alto, giustificando il tutto con il fatto che i cittadini avrebbero solo dovuto ridurre la rosa dei candidati. Continua la lettura 'Damo candidata: alle sindacarie vince chi arriva terzo!'»

Parliamo di legalità!

Da , 7 marzo 2016 11:31

Legalità

In questa edizione de Lo Strillone ospitiamo un articolo di Fucina n. 4, che descrive un’iniziativa comune organizzata per il prossimo 21 marzo

Lo scorso 17 febbraio noi ragazzi dell’Associazione Culturale Fucina n. 4 abbiamo organizzato un incontro pubblico a Motta di Livenza con Gherardo Colombo, ex magistrato noto per il suo coinvolgimento in storiche indagini come quella sulla loggia massonica P2 e Mani Pulite. Continua la lettura 'Parliamo di legalità!'»

L’oscuro omicidio di un ricercatore scomodo

Img_3

La morte di Giulio Regeni, giovane ricercatore dell’università di Cambrige, ha scosso tutti noi e ha posto sotto la lente d’ingrandimento la difficile situazione politico-sociale dell’Egitto. La libertà, sotto qualsiasi forma, è sempre più sotto attacco e il regime di Al-Sisi non tollera tutto ciò che non riesce a controllare. Citare un verso del corano basta per finire in prigione, così come parlare di religione sui social network. Si vive in uno stato di polizia dove nessuno è al sicuro e qualunque attività fuori dal coro può portarti in carcere, anche la semplice partecipazione ad una manifestazione pacifica. Ai più “fortunati” è impedito di pubblicare articoli e intervenire sui social media. Continua la lettura 'L’oscuro omicidio di un ricercatore scomodo'»

Non c’è nulla da festeggiare.

Da e , 7 marzo 2016 11:25

Img_4

Il 25 febbraio il Senato ha approvato la legge sulle Unioni Civili, ma c’è ben poco da festeggiare. Sì è vero, è un primo passo per l’Italia lungo il cammino verso la piena uguaglianza di milioni di cittadini italiani. Ma troppo poco e troppo tardi.  Si è trattato di un vero e proprio compromesso al ribasso su quello che già era un compromesso, che non avrebbe comunque equiparato le unioni di coppie omosessuali al matrimonio. Una legge che lascia l’Italia indietro di almeno un decennio sul resto d’Europa. Continua la lettura 'Non c’è nulla da festeggiare.'»

Panorama Theme by Themocracy