èVENTICINQUE 4a edizione

Anche quest’anno èVENTICINQUE!

Siamo giunti alla quarta edizione della nostra iniziativa dedicata alla Festa Nazionale della Liberazione. Come ogni anno, vogliamo offrire l’opportunità di approfondire alcuni temi legati alla Resistenza e per confrontarci su alcune questioni che riteniamo quanto mai attuali. L’edizione 2012 si intitolerà “Partigiani si diventa” e vuole essere un’occasione per rilanciare anche a Oderzo la partecipazione all’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani Italiani.

L’Anpi è un’associazione laica ed apartitica, che ha bisogno di arricchirsi dell’incontro tra generazioni. Contrariamente a quanto alcuni pensano, non è un gruppo che riunisce vecchi nostalgici, ma è il luogo dove chi ha vissuto la resistenza, ormai pochi, i loro figli, i loro nipoti e così via, lavorano insieme per preservare la memoria del passato e per costruire insieme il presente.

Anche noi giovani possiamo farci portatori e difensori, oggi, dei valori che hanno animato la Resistenza e hanno portato la Costituzione e la democrazia nel nostro Paese. Anche ai giorni nostri ci sono battaglie da portare avanti, con le armi dell’informazione e dell’impegno sociale, se crediamo che questi valori debbano essere la base su cui costruire il futuro del nostro Paese.

Quest’edizione di èventicinque è stata concepita proprio per mettere in risalto quest’aspetto di continuità di valori nel tempo. Nel primo appuntamento, venerdì 13 alle 20.30, la voce del bluesman Davide Drusian, la chitarra di Cocco Marinoni e la fisarmonica di Lele Marcon ci accompagneranno in un viaggio evocativo che ci condurrà al periodo della Resistenza, attraverso le letture e i brani musicali più suggestivi. La serata sarà inaugurata dall’intervento di Umberto Lorenzoni, presidente provinciale dell’ANPI.

La seconda serata, mercoledì 18 alle 20.30 prevede la proiezione di FASCISTA, film di Nico Naldini sulla propaganda del regime. Presenterà il film lo stesso regista, poeta, scrittore, cugino di Pier Paolo Pasolini.

Entrambi gli eventi si terranno nella sala concerti di Palazzo Moro, in via Garibaldi 14.

Invitiamo tutti a partecipare, ricordando le parole di Giordano Cavestro, nome di battaglia Mirko, 18 anni, condannato a morte.

Parma, 4-5-1944

Cari compagni, ora tocca a noi.

Andiamo a raggiungere gli altri tre gloriosi compagni caduti per la salvezza e la gloria d’Italia.

Voi sapete il compito che vi tocca. Io muoio, ma l’idea vivrà nel futuro, luminosa, grande e bella.

Siamo alla fine di tutti i mali. Questi giorni sono come gli ultimi giorni di vita di un grosso mostro che vuol fare più vittime possibile.

Se vivrete, tocca a voi rifare questa povera Italia che è così bella, che ha un sole così caldo, le mamme così buone e le ragazze così care.

La mia giovinezza è spezzata ma sono sicuro che servirà da esempio.

Sui nostri corpi si farà il grande faro della Libertà.

Commenta

*

Panorama Theme by Themocracy